Totus tuus network FAQ (Risposte a domande Frequenti)


Categoria: Principale -> Ma Totus tuus che si prefigge? ha uno statuto?

Domanda

Risposta
·  Lo Statuto della Onlus
Organizzazione di volontariato costituita il 9-12-2000 e iscritta al Reg. Prov. di Milano con decreto n? MI-16 del 20-12-2001 Codice fiscale 97279310151

Statuto dell'organizzazione di volontariato
Totus Tuus Network

Art.1

? costituita la libera associazione di volontariato, senza fini di lucro, improntata esclusivamente a fini di solidariet? e denominata "Totus Tuus Network" (TTnet). L'associazione adotta come riferimento la Legge quadro del volontariato N. 266/91 e la relativa legge regionale N. 22/93.

Art. 2

L?Associazione ha sede in Milano, via Govone, 48.

Art. 3

L?Associazione persegue fini culturali, educativi, morali e sociali con scopi di solidariet? sociale.

Finalit? dell?Associazione sono:

- promozione e diffusione della cultura della solidariet? nel pieno rispetto dei principi e dei valori della cultura cattolica anche attraverso l'aiuto allo studio della sua dottrina sociale;

- l?insegnamento, l?approfondimento, l?educazione ai valori cattolici considerati come mezzo affidabile per un progresso solidale teso al miglioramento individuale e collettivo, in particolare a favore di quanti non dispongono dei mezzi materiali necessari per procacciarseli;

- ogni qualsivoglia applicazione pratica e concreta connessa direttamente od indirettamente ai valori di cui sopra quali, a titolo d?esempio, l?organizzazione di ripetizioni scolastiche per bambini di famiglie disagiate o con problemi, l?organizzazione di tornei sportivi o di altre attivit? ritenute positivamente formative ed educative della persona umana.

Per il raggiungimento di queste finalit? l?Associazione riconosce come suoi compiti:

a) il mettere quanti pi? testi, fonti, studi, saggi e materiale cattolico a disposizione di coloro che non possono permetterseli attraverso la rete telematica di Internet o mediante adeguati supporti telematici, raggiungendo per codesto scopo idonee intese con autori, case editrici, stampatori, software house e qualsiasi altro soggetto utile ai fini di cui sopra;

b) l?organizzare conferenze, convegni, dibattiti, ricerche, pubblicazioni e l?utilizzazione di qualsiasi mezzo idoneo per il raggiungimento dei propri fini. In particolar modo attraverso l?uso della Rete telematica Internet e degli altri strumenti telematici (quali per es. portali, mailing list, newsgroups, banche dati, etc.).

c) studiare, approfondire e diffondere le problematiche relative all?identit? culturale cattolica, dall?educazione dei figli sino allo Stato, ed a tutti quegli argomenti che toccano la dignit? della persona umana nel suo ordinario svolgimento sociale;

d) promuovere e sostenere iniziative di informazione e di formazione culturale ovunque possibile ed in particolar modo nelle scuole, con specifico riferimento alla formazione di una mentalit? favorevole, costruttiva e rispettosa sia della vita propria che di quella altrui;

e) instaurare rapporti con gli organismi locali operanti nel "settore famiglia", quali le unit? sanitarie esistenti nel territorio o nei settori "giovani" e "cultura", per ottenere che siano riconosciuti i diritti garantiti dal nostro ordinamento giuridico.

e) gestire immobili destinati ad accogliere le attivit? di cui sopra e quant?altro finalizzato ai fini sociali;

f) esercitare in ogni stato e grado dei processi penali -aventi ad oggetto reati contro il sentimento religioso, la religione cattolica ed i diritti civili - le facolt? ed i diritti e attribuite alla persona offesa dal reato, sempre che in forza di legge vengano riconosciute all?Associazione le finalit? di tutela degli interessi lesi dal reato (Art. 91 CPP);

g) promuovere, coerentemente con le proprie finalit?, iniziative di formazione, aggiornamento e ricerca in ambito scolastico, indirizzata ad alunni, docenti e genitori e tutte le altre componenti del mondo della scuola, ponendosi come agenzia educativa coerente con le finalit? scolastiche.

L?Associazione si propone di realizzare queste finalit? uniformandosi ai principi della religione Cattolica secondo l?interpretazione del Magistero Pontificio, cos? come vengono sintetizzati nel Catechismo universale della Chiesa Cattolica, collaborando con parrocchie e associazioni e con ogni altra istituzione pubblica o privata conferente agli scopi di TTnet.

L?associazione si riserva la possibilit?, per meglio realizzare le sue finalit?, di costituire al suo interno organi operativi o culturali come circoli, club, centri culturali, centri di documentazione e simili che abbiano la possibilit? di sviluppare in modo particolare un aspetto delle finalit? e dei suoi compiti.

Art. 4

L?Associazione non persegue fini di lucro e tutte le attivit? svolte e le prestazioni erogate dai soci sono a titolo gratuito. L?Associazione si pu? avvalere dell?opera di tutti quegli esperti le cui prestazioni si rendono necessarie per la realizzazione delle sue finalit? e tutto il personale che opera nelle varie iniziative ? tenuto al segreto d?ufficio. L?associazione si riserva, a discrezione del Consiglio Direttivo, di fornire a operatori o professionisti che non siano soci i compensi necessari per gli interventi rientranti nelle sue finalit?

Art. 5

Sono soci dell?Associazione, oltre coloro che hanno firmato l?atto costitutivo, anche coloro che successivamente faranno domanda e verseranno annualmente la quota associativa stabilita dal Consiglio Direttivo, al quale spetta anche il compito di accettare la domanda del nuovo socio o di deciderne l'esclusione. Il contributo a carico degli aderenti non ha carattere patrimoniale ed ? deliberato dall'Assemblea convocata per l'approvazione del preventivo. ? annuale, non ? trasferibile, non ? restituibile in caso di recesso, di decesso o di perdita della qualit? di aderente, deve essere versato entro 30 giorni prima dell'assemblea convocata per l'approvazione del Bilancio Consuntivo dell'esercizio di riferimento. I soci che intenderanno prestare la propria opera di volontariato nell?Associazione, oltre ad essere in regola con il pagamento della quota associativa, dovranno dichiarare di ben conoscere ed accettare il presente statuto, di sostenerne le idee e lo spirito, sottoscrivendo statuto e regolamento associativo ed essere utenti Internet. Le prestazioni fornite dai soci sono a titolo gratuito e non possono essere retribuite neppure dal beneficiario. Ai soci possono essere rimborsate soltanto le spese effettivamente sostenute secondo opportuni parametri validi per tutti i soci preventivamente stabiliti dal Consiglio Direttivo e approvati dall'Assemblea.

Le attivit? dei soci sono incompatibili con qualsiasi forma di lavoro subordinato e autonomo e con ogni altro rapporto di contenuto patrimoniale con l'organizzazione.

Il socio ha il diritto di avere dagli amministratori notizie sullo svolgimento delle attivit? associative, di consultare i documenti relativi all?amministrazione e di conoscere l?esito degli interventi che siano stati compiuti per cui fu costituita l'associazione. Il socio ha il dovere di versare le quote associative entro i primi tre mesi dell?anno e di offrire la propria collaborazione all?Associazione secondo le proprie possibilit?. Il diritto di voto ? regolato dai successivi Art. 11 e l2. Tutti i soci hanno parit? di diritti e doveri.

Art. 6

La qualifica di Socio si perde:

- per dimissioni volontarie da presentare con lettera raccomandata indirizzata al Presidente dell?Associazione;

- per morosit? nel pagamento della quota associativa protrattasi per oltre un anno;

- qualora il socio sostenga idee o tenga un comportamento contrastanti con il perseguimento degli scopi propri dell?Associazione: l'esclusione deve essere deliberata dal Consiglio Direttivo e comunicata per raccomandata. L'interessato potr? fare ricorso all'assemblea per l'impugnazione dell'esclusione o del mancato accoglimento della domanda di adesione (Art.5).

Art. 7

Il fondo comune dell?Associazione ? costituito da:

- le quote associative;

- lasciti, beni, contributi ed erogazioni di privati ed enti pubblici;

- entrate derivanti da attivit? commerciali e produttive marginali da reimpiegare per le finalit? dell'associazione, quali, a titolo esemplificativo: mercatini, consulenze svolte nelle scuole e altre manifestazioni appositamente organizzate per la raccolta fondi;

- rimborsi derivanti da convenzioni.

Ogni anno devono essere redatti, a cura del Consiglio Direttivo, i bilanci preventivo e consuntivo da sottoporre all?approvazione dell?Assemblea entro il 30 aprile. Dal bilancio consuntivo devono risultare i beni, i contributi e lasciti ricevuti e le spese per capitoli e voci analitiche.

Il bilancio deve coincidere con l'anno solare. Gli avanzi di gestione devono essere impiegati per la realizzazione delle attivit? istituzionali. ? vietata la distribuzione in qualsiasi forma, anche indiretta di avanzi di gestione nonch? di fondi, riserve o capitale durante la vita dell?organizzazione, salvo che a favore di altre organizzazione di volontariato.

Art. 8

Gli organi dell?Associazione sono:

- l?Assemblea;

- il Consiglio Direttivo;

- il Presidente.

Art. 9

L?Assemblea dei soci si riunisce almeno una volta l?anno per l?approvazione del bilancio e delle relazioni sull'attivit? associativa. ? convocata dal Consiglio Direttivo, il quale inoltre pu? convocarla ogniqualvolta lo ritenga utile e necessario.

La comunicazione deve essere effettuata tramite e-mail attraverso la Mailing List dei soci almeno 15 giorni prima di quello fissato per l?adunanza e deve contenere l?ordine del giorno.

L?Assemblea deve essere, inoltre, convocata quando ne ? fatta richiesta motivata da almeno un decimo degli associati.

Art 10

L?Assemblea approva il bilancio di esercizio che deve contenere gli elementi indicati nell'art. 3 L. 266/91 e la relazione sull'attivit? associativa.

L?Assemblea delibera, altres?, sugli indirizzi, programmi e direttive generali della Associazione, sulla nomina dei componenti il Consiglio Direttivo. L'Assemblea straordinaria delibera sulle modifiche dell?atto costitutivo e dello statuto e su quant?altro alla medesima demandato per legge e per statuto.

Art. 11

Hanno diritto di intervento in Assemblea tutti i soci in regola con il pagamento della quota annua di associazione. Ogni socio ha diritto ad un voto e non pu? avere pi? di una delega. La delega deve essere espressa in forma scritta, anche attraverso la Mailing List dei soci.

Art. 12

L'assemblea si intende regolarmente costituita, in prima convocazione quando sono presenti, anche per mezzo delega, la met? pi? uno degli associati, ed in seconda convocazione, qualsiasi sia il numero dei presenti. Le deliberazione dell'assemblea vengono prese a maggioranza assoluta dei presenti.

Nelle deliberazioni di approvazione del bilancio e in quelle che riguardano la loro responsabilit? gli amministratori non hanno diritto di voto.

Per modificare l?atto costitutivo e lo statuto occorre la presenza di almeno tre quarti degli associati e il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

Per deliberare lo scioglimento dell?associazione e la devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole di almeno tre quarti degli associati.

L?Assemblea dei soci ? presieduta dal Presidente del consiglio direttivo o, in mancanza, dal Vice Presidente. In mancanza di entrambi l?Assemblea nomina un proprio Presidente.

Art. 13

Il Consiglio Direttivo ? formato da 5 (cinque) membri eletti dall?Assemblea dei soci nel suo seno ed ? cos? composto:

- Presidente;

- Vice Presidente;

- Consiglieri in numero di 3 (tre).

I membri del Consiglio direttivo sono aumentabili di uno in ragione di ogni trenta nuovi soci fino a un massimo di undici.

La nomina del Presidente e del Vice Presidente spettano al Consiglio stesso che li elegge nel suo seno. Le nomine avvengono con votazione segreta, a maggioranza dei partecipanti alla votazione. Nessun compenso spetta ai membri del Consiglio.

Il Consiglio Direttivo resta in carica due anni. In caso di anticipate dimissioni o decadenze l'assemblea provvede alla necessaria sostituzione. Le sostituzioni effettuate nel corso del biennio decadono allo scadere del biennio medesimo. Le cariche sociali sono gratuite e possono essere riconfermate.

Art. 14

Il Consiglio si riunisce almeno tre volte all'anno e comunque tutte le volte che il Presidente lo ritenga necessario o che ne sia fatta richiesta da almeno 3 (tre) dei suoi membri. Il Consiglio Direttivo ? presieduto dal Presidente, in sua assenza dal Vice Presidente e, in assenza di entrambi, dal pi? anziano di et? dei presenti. Per la validit? delle delibere occorre la presenza effettiva della maggioranza dei membri del Consiglio ed il voto favorevole della maggioranza dei votanti. In caso di parit? il voto del Presidente vale doppio.

Art. 15

Il Consiglio Direttivo ? investito dei pi? ampi poteri per la gestione ordinaria dell?Associazione. Esso procede pure alla nomina di eventuali dipendenti ai sensi dell'art. 4 c.2 dello Statuto, determinandone la retribuzione ed osservando ogni norma di legge in materia di lavoro subordinato. Procede inoltre a conferire eventuali incarichi professionali previsti dall'art. 4 dello Statuto, nella misura minima indispensabile per il funzionamento dell'associazione.

Il Presidente rappresenta legalmente l?Associazione di fronte ai terzi ed in giudizio; ad esso spetta la firma sociale. Il medesimo cura l?esecuzione delle delibere dell?Assemblea e del Consiglio. Nei casi di necessit? pu? esercitare i poteri del Consiglio, previa comunicazione via e-mail ai suoi membri e salvo successiva ratifica da parte di quest?ultimo alla prima riunione. Egli pu? inoltre disporre dei fondi economici per il perseguimento dei fini istituzionali di carattere ordinario, salvo sempre renderne conto al Consiglio alla prima riunione.

Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di assenza o di impedimento di questi.

Il Consiglio Direttivo presenta annualmente all?Assemblea per l?approvazione il bilancio corredandolo di una relazione sull?andamento della vita associativa.

Art. 16

L?Assemblea delibera lo scioglimento dell?Associazione e, nel contempo, nomina il liquidatore. Delibera altres? la devoluzione del patrimonio a favore di altra Associazione di volontariato con finalit? analoghe, conformemente a quanto previsto dalla legge 266/91. In nessun caso possono essere distribuiti beni e riserve ai soci.

Art. 17

Per tutto quanto non previsto dal presente Statuto si fa riferimento alle vigenti disposizioni di legge in materia.
[ Torna Su ]

Motore di ricerca

Chi è online

Il Tuo IP: 54.167.184.64



Verifica umana
Quanto fa sei più sei?
:

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder