Dal Web: Avvenire - Continua l'orrore del cosiddetto stato islamico
Argomento: Islam

«L'Is sta uccidendo i cristiani rapiti»

Il gruppo dello Stato islamico ha ucciso alcuni dei cristiani assiri sequestrati negli ultimi giorni nella provincia di Al Hasaka, nel nordest della Siria. Lo ha riferito all'agenzia Efe un familiare di una delle vittime. "Oggi hanno ucciso a colpi di arma da fuoco due delle persone rapite a Tal Hurmuz, tra cui un mio cugino di 65 anni", ha fatto sapere Abdel Abdel, un ingegnere fuggito cinque mesi fa a Beirut assieme alla moglie e ai due figli. L'uomo è in contatto con i parenti rimasti nella provincia di Al Hasaka. I jihadisti, ha raccontato Abdel, sono entrati a Tal Hurmuz all'alba di ieri e hanno sequestrato cinque persone.



Il presidente del Movimento patriottico di Assiria, Ashur Girwargis, ha fatto sapere a Efe che i jihadisti hanno separato le donne e i bambini dagli uomini, i quali sono stati portati nella zona di Yabal Abdelazi, dove l'Is ha una base. Nessuno sa con certezza quante persone siano state rapite, ha detto l'uomo, aggiungendo che secondo alcune fonti i militanti avrebbero preso in ostaggio 70 persone a Tal Shamiran; altre 15, fra cui 3 ragazze, a Tal Hurmuz; 12 a Tal Goran e circa 40 a Tal Yazira. 
Gli altri abitanti sono fuggiti nelle vicine città di Qameshli e Al Hasaka. Oggi, ha detto l'uomo, gli estremisti hanno fatto esplodere una chiesa di Tal Hurmuz, una località strategica situata in cima a una collina.
 
Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, i militanti dell'Isis hanno sequestrato 90 civili della minoranza assira a Tal Hurmuz y Tal Shamiram, ma Abdel ha indicato che le persone rapite potrebbero essere più di 100. Secondo il presidente del Consiglio nazionale siriaco i rapiti sarebbero 150. Un mese fa, ha riferito ancora Abdel, i combattenti cristiani avevano catturato nella zona sei membri del gruppo estremista e il rapimento dei civili potrebbe essere un atto di vendetta per quell'operazione.
 
C'è il rischio che si verifichi una "strage imminente" dei cristiani assiri rapiti dallo Stato islamico (Is) in alcuni villaggi del nord-est della Siria. È questo l'allarme lanciato dalla Lega siriana per i diritti umani, che ha fatto appello a "un intervento immediato" per liberare gli ostaggi. L'ong ha attribuito alla comunità internazionale "la responsabilità per il deterioramento della sicurezza in Siria" per non essere "intervenuta rapidamente al momento opportuno per proteggere i civili", soprattutto dopo l'infiltrazione nel conflitto siriano di forze estremiste e confessionali a sostegno del regime. Queste infatti "contribuiscono grandemente a incrementare l'influenza dei gruppi estremisti e a dare un connotato confessionale alla guerra in Siria", ha aggiunto la Lega siriana, esprimendo "estrema preoccupazione" per il fatto che la presenza di questi gruppi "minaccia i diritti fondamentali dei civili".

Avvenire 25-2-2015

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: (Ancora Nessun Voto)

Motore di ricerca

Chi è online

Il Tuo IP: 54.144.50.90



Verifica umana
Quanto fa otto più nove?
:

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder