Dal Web: Tempi.it - Inversione del bene e del male
Argomento: Vita

Follie da utero in affitto. Pipah resterà con il padre acquirente (già condannato per abusi)

Aprile 15, 2016 Leone Grotti
Ricordate Gammy, il bimbo thailandese abbandonato perché Down? Il giudice ha lasciato agli acquirenti la gemella, che non potrà rimanere da sola con il padre per timore di molestie sessuali



Si è conclusa la vicenda giudiziaria della sorella gemella del piccolo Gammy, il bambino nato attraverso l’utero in affitto in Thailandia e abbandonato dalla coppia pagante perché affetto dalla sindrome di Down. Il caso, che aveva fatto scalpore nel 2014, aveva scatenato una gara di solidarietà per aiutare la madre del piccolo e spinto la donna a chiedere l’affido anche della figlia, tornata invece in Australia con i richiedenti.

 MOLESTATORE SESSUALE. Il motivo per cui Pattaramon Chanbua, la madre surrogata, ha fatto causa alla coppia chiedendo l’affido della sorella gemella di Gammy è la scoperta dei trascorsi del padre con la giustizia. David Furnell, 58 anni, ha infatti passato in carcere negli anni 90 tre anni per aver molestato sessualmente tre minorenni.
«RISCHIO MOLTO BASSO». Il giudice Stephen Thackray ha stabilito che la bambina, Pipah, potrà continuare a vivere con il padre e la compagna Wendy Li, invece che con la madre e il fratello gemello. Secondo la sentenza, «c’è un rischio molto basso che Pipah possa essere abusata [dal padre] se resta con lui». Nonostante il rischio sia «molto basso», il giudice ha ugualmente ordinato che l’uomo non possa mai restare da solo con la figlia: potrà passare del tempo insieme a lei solo se in compagnia della compagna o degli assistenti sociali.
LA STORIA A FUMETTI. Inoltre, sempre per decisione del giudice, alla bambina come forma di precauzione dovrà essere letta ogni tre mesi una «storia a fumetti», appositamente preparata dai servizi sociali, che le spieghi, con un linguaggio adeguato alla sua età, perché non può passare del tempo da sola con suo padre. Attraverso il racconto, Pipah dovrà conoscere «la storia e i metodi» usati dal padre per le molestie sessuali.
FRAINTENDIMENTI. Il giudice Thackray ha anche criticato la «foga mediatica» con cui i giornali si sono occupati della vicenda, secondo lui eccessiva, e ha affermato che «non è vero che la coppia ha abbandonato» il piccolo Gammy. Il magistrato ha infatti creduto alla versione di Furnell, che avrebbe capito che la madre surrogata voleva a tutti i costi tenere per sé il bambino down e non la sorellina sana. Però, ha concluso il giudice, inserendo l’ultimo tassello di una sentenza alquanto contraddittoria, non ci si può sorprendere che accadano simili fraintendimenti «quando il corpo di una donna viene affittato a beneficio di altri».

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: (Ancora Nessun Voto)

Motore di ricerca

Chi è online

Il Tuo IP: 54.81.231.226



Verifica umana
Quanto fa uno più tre?
:

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder