Gender Diktat: : Liguria: la lobby gay non vuole lo sportello famiglia

 Gender: è scontro tra Coordinamento Liguria Rainbow e Regione

 In Liguria è in corso uno scontro aperto attorno al tema sempre più infuocato del gender. A dar fuoco alle polveri, questa volta, è il Coordinamento Liguria Rainbow che sembra non tollerare le crescenti spontanee iniziative di contrasto al martellante processo di omosessualizzazione della società italiana dettato dalla gender agenda globale.

Contro lo sportello antigender votato dalla Regione Liguria, il telefono antigender aperto dalla Regione Lombardia, le iniziative del sindaco di Trieste che ha vietato la diffusione nelle scuole del libro “Il gioco del rispetto”, il Coordinamento LGBT ligure ha infatti promosso un vero e proprio appello nazionale, intitolato “Per una scuola libera dalla censura. Appello per la libertà di espressione e di insegnamento, la democrazia, la laicità e il pluralismo nella scuola“, reso noto con il seguente comunicato:

«Il Coordinamento Liguria Rainbow  è al fianco delle operatrici e degli operatori del mondo della scuola colpiti dal clima minaccioso che gli autori della fantomatica ‘teoria del gender’ hanno voluto costruire: anni di esperienze professionali in tema di riconoscimento e contrasto alla violenza maschile, al bullismo, alle discriminazioni sulla base dell’orientamento sessuale, e agli stereotipi di genere rischiano di essere gettati alle ortiche perché tacciati di ‘istigazione al gender’ (una pseudo ideologia che secondo questi fanatici vorrebbe convertire i giovani all’omotransessualità). La Regione Liguria, anziché difendere le buone pratiche formative a favore dei soggetti vulnerabili in età di crescita e sviluppo, ha recentemente votato per la creazione dello sportello ‘antigender’, dando credibilità a gruppi fondamentalisti e minoritari intenzionati ad imporre nella scuola pubblica la propria visione morale sulla famiglia e sulle relazioni affettive».

SOSTEGNO ALLA REGIONE LIGURIA

I comitati locali Difendiamo i nostri figli di tutte le quattro province liguri hanno risposto alle accuse diffondendo un comunicato stampa congiunto per esprimere il loro pieno e unanime sostegno alla Regione Liguria per l’iniziativa “anti-gender” intrapresa che è possibile consultare qui.

Questo il testo dell’Appello del Coordinamento LGBT ligure:

Chiediamo al mondo della scuola, della cultura, della formazione, del lavoro e dell’associazionismo di sottoscrivere questo appello per difendere la democrazia, la laicità, la libertà di espressione e il pluralismo nella scuola, minacciati dall’istituzione dello sportello regionale “anti-gender”. Il Consiglio Regionale della Liguria ha, in data 11 novembre 2016, votato a maggioranza una mozione che impegna la Giunta Regionale a istituire uno sportello “volto ad arginare quei fenomeni di indottrinamento ideologico noti come ideologia gender”. Stando al testo della mozione, lo sportello vorrebbe raccogliere eventuali bisogni generali delle famiglie e fornire una risposta sociale, psicologica e legale, mettendo sullo stesso piano denunce legate alla diffusione della non meglio precisata “teoria del gender” nelle scuole e denunce di episodi di “razzismo o di bullismo, di droga o vandalismo”.

In primo luogo, riteniamo che la totale vaghezza della proposta contenuta nella mozione (che cosa si intende per “ideologia o teoria gender”? Chi gestirà gli sportelli? Con quali competenze?), rischi di mettere in seria discussione la libertà di espressione e d’insegnamento propria di uno Stato democratico, laico e pluralista. In assenza di una definizione esplicita, l’utilizzo dell’espressione “ideologia gender” risulta potenzialmente distorsivo, lasciando aperta la porta alla totale arbitrarietà di giudizio.

In questo modo, gli “sportelli anti-gender” diventano strumenti discrezionali di censura, creando di fatto un clima intimidatorio all’interno delle istituzioni scolastiche ed educative.

In secondo luogo, riteniamo che alle famiglie spetti il compito fondamentale di formare la persona, mentre alla scuola e a una società plurale, democratica e inclusiva spetti il compito di formare le/i future/i cittadine/i, nel rispetto delle differenze di genere, orientamento sessuale, modelli culturali, visioni del mondo e tipologie familiari di appartenenza.

Riconosciamo il valore del percorso che la scuola italiana ha realizzato negli ultimi decenni in termini di inclusione, pluralismo e confronto. Difendiamo, dunque, da qualsiasi ingerenza, la libertà di insegnamento, l’autonomia didattica e l’apertura alla società: il rispetto di questi valori ha infatti consentito alla scuola pubblica italiana di far crescere ragazze e ragazzi consapevoli e capaci di leggere e confrontarsi con la crescente complessità della società. Anziché sprecare risorse pubbliche nell’attivazione di sportelli di dubbia utilità e impregnati di ideologismi, chiediamo alla Giunta di rafforzare i servizi che già esistono sul territorio e lavorano in rete per rispondere alle diverse forme di disagio e violenza (consultori, sert, centri antiviolenza, e così via).

ALCUNE RISPOSTE ALL’APPELLO

L’appello è un vero è proprio compendio di menzogne ed ideologia. Qui ci limitiamo a replicare ad alcuni punti:

In primo luogo –  si domandano gli estensori dell’appello –  riteniamo che la totale vaghezza della proposta contenuta nella mozione (che cosa si intende per “ideologia o teoria gender”?)

Risposta: l’ideologia o teoria gender, detto in parole povere e semplici, è quel sistema di idee che intende promuovere ed instillare nei nostri giovani il concetto per il quale è necessario distinguere tra sesso e genere. Il primo è quello biologico con il quale nasciamo, il secondo è quello socio-culturale e psicologico che diventiamo in “età adulta”. Se un programma educativo, scolastico o di qualsiasi genere, si propone tali obiettivi possiamo essere certi di essere in presenza della “fantomatica” teoria o ideologia del gender.

In questo modo, gli “sportelli anti-gender” diventano strumenti discrezionali di censura, creando di fatto un clima intimidatorio all’interno delle istituzioni scolastiche ed educative

Risposta: al contrario, gli “sportelli anti-gender” sono uno strumento di informazione e di verità contro le bugie propinate ai nostri adolescenti dagli attivisti LGBT+ e dagli altri rappresentanti istituzionali asserviti al politicamente corretto. Non c’è nulla di buono nell’omosessualità! Un’educazione seria e di buon senso dovrebbe, all’opposto, mettere in guardia i giovani rispetto ai reali pericoli e rischi insiti nell’adozione del decantato stile vita omosessuale. Il clima intimidatorio lo creano i poteri e le lobby LGBT+ nei confronti di coloro che osano dissentire dalla vulgata LGBT+ come la cronaca di tutti i giorni, ahinoi, ci testimonia.

In secondo luogo, riteniamo che alle famiglie spetti il compito fondamentale di formare la persona, mentre alla scuola e a una società plurale, democratica e inclusiva spetti il compito di formare le/i future/i cittadine/i, nel rispetto delle differenze di genere, orientamento sessuale, modelli culturali, visioni del mondo e tipologie familiari di appartenenza.

Risposta: secondo tale paradossale assunto lo Stato, attraverso la scuola, deve educare “eticamente” il cittadino, esautorando la famiglia dai propri diritti. E’ evidente la prepotenza e l’assurdità di tale visione per la quale gli alunni italiani dovrebbero sottostare alla morale pubblica di Stato decisa, per di più, dalle lobby e dalle organizzazioni LGBT+.

E qual’è questa nuova morale ? è il progetto imposto dal liberalismo politico fondato sugli, ogni giorno nuovi, “diritti” che mira a trasformare radicalmente l’ordine umano. Una vera e propria rivoluzione antropologica per la quale, il Vero, il Bello e il Bene non dipendono più da criteri oggettivi e identificabili, quanto da gusti e impressioni mutevoli, meramente soggettivi. L’assioma di base di tale visione è la rigorosa neutralità filosofica volta a stabilire un asettico modus vivendi che renda possibile la convivenza simultanea di rivendicazioni opposte e confliggenti, riducendo “al massimo i rischi di scontri e collisioni“. L’approdo logico di tale visione è quello che il filosofo francese Jean-Claude Michéa definisce “la regolarizzazione in massa di tutti i comportamenti possibili e immaginabili“, al di là di ogni elementare criterio di ragione e di buon senso.

 

Rodolfo de Mattei per https://www.osservatoriogender.it/gender-scontro-coordinamento-liguria-rainbow-regione-liguria/

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: Ottimo (Ottimo) - Voti: 1

Argomenti Correlati

Teorie di genere - omosessualismo

Spiacente, non sono disponibili i commenti per questo articolo.

Motore di ricerca

Chi è online

Il Tuo IP: 54.198.223.170



Verifica umana
Quanto fa sei più cinque?
:

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder