Cristianofobia: Islam: Evvai con il "multikulti"
Argomento: Islam

 Molestie e aggressioni sessuali, in Germania un anno dopo Colonia non è cambiato niente

 

Dopo la Gran Bretagna, la nostra ricerca sulle persecuzioni e sulle violenze sessuali inflitte alle donne e alle giovani ragazze in Europa prosegue in Germania.

Il Paese dei fatti di Colonia, quando durante il capodanno del 2016 migliaia di donne furono aggredie a fatte oggetto di molestie da parte di immigrati arabi e nordafricani. All’epoca, fu necessario molto tempo prima che le autorità fornissero i numeri reali e inimmaginabili della notte di Capodanno.

Oggi, a distanza di un anno di tempo, la stampa tedesca continua a disegnare così il profilo degli autori di abusi sessuali nel Paese: "dall’aspetto straniero" (ausländisches Erscheinungsbild); "dai tratti somatici arabi" (arabischem Aussehen); "stranieri dal dialetto incomprensibile" (ausländischen, unbekannten Dialekt); "uomini dalla pelle scura" (dunkler Hautfarbe). Una vaghezza disarmante, una serie di eufemismi poco fantasiosi per mascherare qualsiasi riferimento alle origini e soprattutto alla fede di aggressori e molestatori.

Per dare un’idea del clima che si respira in Germania, abbiamo selezionato solo alcuni degli episodi registrati lo scorso mese. Il 6 gennaio un tredicenne, immigrato dalla Siria, ha aggredito sessualmente due ragazze in una scuola di Schwerin.
A Linden, un “individuo del sud" (südländisch) ha commesso gli stessi reati su una ragazza di 16 anni. L’uomo era con la ragazza sull'autobus, e quando l'ha vista scendere, l'ha seguita e molestata. Il 15 gennaio un uomo "dal dialetto straniero" ha aggredito una donna vicino al municipio di Metelen.
Lo stesso giorno, in una piscina pubblica di Bockum, cinque immigrati siriani di età compresa tra gli undici e i quattordici anni hanno aggredito due dodicenni.
Il 24 gennaio un immigrato siriano di quarantaquattro anni è stato arrestato con l'accusa di aver aggredito sessualmente più di venti donne a Wetzlar. Durante il processo, si è giustificato dalla accusa di averle leccate in faccia spiegando che si trattava di una pratica normale dei suoi costumi: "è così che si dimostra affetto per le donne".

Qualche giorno dopo è toccato a una donna di quarantasei anni essere aggredita su un treno a Stoccarda. Evidentemente all'uomo non era andata troppo a genio la richiesta della donna di togliere i piedi dal sedile, così lui ha deciso di fracassarle la testa contro il finestrino.
Su un altro treno, a Öhringen, una ragazza di diciassette anni è stata aggredita da un altro "uomo del sud", mentre un gruppo di dodici uomini "dalla pelle scura" infieriva su una ragazzina a Gelsenkirchen.
Il 20 gennaio si è concluso il processo contro Abubaker C., un ventisettenne pakistano che ha strangolato una signora anziana sul suo letto a Bad Friedrichshall, e poi dipinto versi del Corano sulle pareti della stanza. I pubblici ministeri hanno riferito che si è trattato di un omicidio a sfondo religioso: il musulmano sunnita ha assassinato la donna perché era una devota cattolica.  
I rapporti della polizia mostrano che l'emergenza di stupri e violenze, per mano di immigrati in Germania, non accenna a diminuire. 

Secondo un rapporto dell'ufficio della Polizia Criminale Federale (Bundeskriminalamt, BKA), nel 2013 i reati sessuali commessi da immigrati sono stati 599, una media di due al giorno.
Nel 2014 si è passati a 949 crimini sessuali, pertanto circa tre al giorno.
Nel 2015 se ne sono contati 1683, più o meno cinque al giorno.
Nei primi nove mesi del 2016 il numero di aggressioni sessuali ha raggiunto la soglia di 2790, dieci al giorno.
Considerando i crimini sessuali che non vengono denunciati, il numero effettivo di crimini sessuali legati a immigrati in Germania potrebbe essere almeno il doppio o il triplo di quelli registrati dalla polizia.
Secondo André Schulz, capo della Criminal Police Association, solo il 10% dei crimini sessuali commessi in Germania compaiono nelle statistiche ufficiali.
Del resto i dati forniti dalla Federal Criminal Police includono solo i crimini che sono stati risolti. E  secondo le statistiche della polizia, in media, solo la metà dei casì vengono risolti.

I dati, inoltre, non coprono i casi provenienti dalla Renania Settentrionale-Vestfalia: il più popolato dei Lander tedeschi e quello con il maggior numero di immigrati.
Ma soprattutto, come ci ha insegnato la vicina Inghilterra, anche nella terra della signora Merkel si tende ad omettere il riferimento agli immigrati, alle loro origini o alla loro fede, nelle notizie di reato.
C'è un sistema giudiziario isterico, che, ossessionato dalla privacy e dal politicamente corretto, aggrava il problema, imponendo ritardi imperdonabili. Sono tantissimi, infatti, i casi in cui passano mesi prima che venga pubblicata l'immagine degli immigrati ricercati.
L'apatia del governo tedesco ci porta a domandarci se lo scopo di questo sistema, giudiziario, sociale, sia diventato paradossalmente quello di educare le società occidentali ad una sorta di “cultura dello stupro”, una cultura in cui molestie e aggressioni sessuali non vengono punite o accertate fino a in fondo, ancora una volta per non incrinare il muro del politicamente corretto in materia di immigrazione.

L’ennesimo frutto marcio del multiculturalismo, in una Europa che ormai sembra aver perso la bussola dei suoi valori, innanzitutto quello della libertà delle donne. Iniziamo ad essere davvero stanchi di ogni sorta di aneddotica islamicamente corretta.

 

di Lorenza Formicola | 18 Febbraio 2017: https://www.loccidentale.it/articoli/144632/molestie-e-aggressioni-sessuali-in-germania-un-anno-dopo-colonia-non-e-cambiato
 

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: Ottimo (Buono) - Voti: 2

Argomenti Correlati

Islam

Spiacente, non sono disponibili i commenti per questo articolo.

Motore di ricerca

Chi è online

Il Tuo IP: 54.198.223.170



Verifica umana
Quanto fa cinque più sette?
:

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder