Totus tuus network: Fede e ragione

Cerca in questo argomento:   
[ Vai in Home | Seleziona un nuovo argomento ]

«Seguendo questa logica pericolosa e settaria, dovendo rispettare anche i sentimenti politici oltre che quelli religiosi, perché non chiedere che dagli uffici pubblici sia tolta l’effigie del presidente Napolitano?».
Vittorio Messori è in Spagna, per l’uscita del suo ultimo libro, ma non rinuncia a ragionare anche provocatoriamente sul tema del giorno.

Come reagisce alla sentenza di Strasburgo?
«Sono rattristato, amareggiato ma non scandalizzato. L’amarezza nasce da questa considerazione: da molto tempo ormai il crocifisso non è più soltanto un segno religioso, ma è diventato un simbolo umano per eccellenza, il simbolo dell’ingiustizia e della resistenza al male».

Volerlo cancellare è un’offesa alla religione cristiana?
«No, è un’offesa, anzi un peccato contro la storia. Il cristianesimo, la croce, ha a che fare con le origini della civiltà europea e dunque questa sentenza non va contro la religione, ma va contro la nostra storia e il senso della realtà».

Argomento: Fede e ragione
A Varese alla fine di un matrimonio civile il consigliere comunale stoppa la proposta degli invitati di recitare una preghiera. Considerata una bestemmia contro il Dio del multiculturalismo, risulta indecente in una sala consiliare.
Vietato in Comune, prima durante e dopo un matrimonio, dire l’Ave Maria.
O forse è vietato dirla e basta.
Forse è una bestemmia contro il Dio della Santa Religione Multiculturale.
Accade a Varese, ma è un sintomo, non un caso eccezionale.
Un amico mi racconta, e io trascrivo.
È una persona seria: è un dirigente del Movimento cristiano lavoratori (Mcl) di cui è presidente nella città insubrica e bossiana.
Per intenderci: Peppino Falvo non è un fanatico né un bigotto.
Va volentieri al matrimonio civile di una coppia di amici. Non si scandalizza. La vita è così complicata...
Argomento: Fede e ragione
Osservatore Romano 2-10-2009

La matrice progressista della nuova tirannia

di Juan Manuel de Prada

"Come si può parlare di 'nuova tirannia', quando mai prima d'ora gli uomini hanno goduto di tanta libertà e tanti diritti?", potrebbe chiedersi un lettore sprovveduto. Le tirannie classiche, in effetti, si caratterizzavano per il fatto di reprimere la libertà e negare i diritti. Gli uomini avevano coscienza di tale usurpazione perché, privati di qualcosa che apparteneva loro per natura, si sentivano sminuiti.
Argomento: Fede e ragione
PiùVoce.net 8-9-2009
Robert Royal, Presidente del Faith & Reason Institute Washington D.C. e membro del comitato scientifico Centro studi Tocqueville Acton

I cattolici a confronto con la cultura made in Usa
GLI AMERICANI HANNO FAME DELLA BELLEZZA CRISTIANA
Argomento: Fede e ragione
Che cosa intende Benedetto XVI quando sostiene che non può esserci in senso stretto un dialogo interreligioso?
E che è invece auspicabile un confronto sulle conseguenze cultural etiche e politiche delle diverse forme di vita religiosa?
 
di Roberto DI CEGLIE
Argomento: Fede e ragione
Un sisma devasta l'Abruzzo. In Messico un virus uccide e semina la paura nel mondo. Due episodi che ricordano all'uomo quanto egli sia fragile.
Ecco le risposte del mondo contemporaneo.
E quelle - ben diverse - della fede cattolica.


Argomento: Fede e ragione

San Massimiliano Kolbe ci parla del Paradiso in occasione della festa dell’Assunta

di Ryerz Niepokabmej, VIII 1924, p. 146-148 / VIII 1931, p. 226-227

Il giorno 15 questo mese la santa Chiesa, festeggiando l'Assunzione della Santissima Vergine Maria, canta con esultanza: «Maria è assunta in cielo, si rallegrano angeli, lodano e benedicono il Signore». Spontaneamente in tal giorno noi. ci sforziamo di riprodurre nella nostra immaginazione il paradiso tanto atteso; tuttavia, malgrado ogni nostro sforzo, non siamo ancora soddisfatti. Noi ci diciamo che lassù dovrà essere, in certo modo, diverso come ci raccontano o, da quel che leggiamo nei libri.
E giustamente; in realtà in paradiso le cose non saranno diverse solo «in un certo modo», ma, si può affermare, in modo del tutto diverso da quello che noi possiamo immaginare.

E, perché?

Argomento: Fede e ragione
di Laura BOCCENTI
Attraverso il linguaggio si possono manipolare le coscienze. Basta nascondere o cambiare il significato delle parole, per modificare la percezione della realtà. E’ un pericolo concreto del nostro tempo. Che ha creato addirittura un’anti-lingua.
Qualche esempio…
Argomento: Fede e ragione
Il giornalista mette in guardia dalle mode

IL RADICALISMO SNOB LASCIA INDIETRO IL POPOLO

di Umberto Folena (PiùVoce.net 9-7-2009)

Quanto costa cambiare uno stile di vita? Uno stile di vita oggettivamente sbagliato, insensato, sprecone. Quanto costa cambiarlo?
Argomento: Fede e ragione

Lo storico cattolico rilegge "Confini"
di Galli della Loggia e Ruini
E LA CHIESA SI RICONCILIO` CON L`OCCIDENTE MODERNO

di Andrea Riccardi

Argomento: Fede e ragione
CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELL’ENCICLICA DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI DAL TITOLO: "CARITAS IN VERITATE" , 07.07.2009

Intervento dell'Em.mo Card. Renato Raffaele Martino, Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace
Argomento: Fede e ragione
Il Papa bacchetta i cattolici alla Prodi

Martedì 30 Giugno 2009 (Andrea Tornielli)

Il clamoroso annuncio dell’identificazione dei resti dell’Apostolo delle genti nel sarcofago sotto l’altare della basilica di San Paolo fuori le Mura ha fatto passare in secondo piano, domenica sera, un altro importante passaggio dell’omelia di Benedetto XVI.
Argomento: Fede e ragione

Nuova Enciclica per «approfondire» la «Populorum Progressio»

di Flavio Felice

Lunedì, 29 giugno 2009, festa solenne dei santi Pietro e Paolo, Benedetto XVI firma la sua terza enciclica, la prima del suo Magistero sociale.
Argomento: Fede e ragione
Avvenire 9 Giugno 2009
Intervista a John Haught
Scienza e fede, il flop dei «nuovi atei»
I «nuovi atei»? Sono l’alter ego «laico» dei creazionisti, i cristiani fondamentalisti convinti che il racconto della Genesi sia un dato scientifico assodato. Richard Dawkins, Sam Harris e Christopher Hitchens (i 'neo laici' di maggior successo) sono 'illogici e incoerenti' rispetto ai grandi pensatori atei del passato, ad esempio Nietzsche e Camus. Alterna il fioretto dell’argomentazione e la sciabola della polemica John Haught, teologo americano di vaglia, nel suo ultimo convincente lavoro, Dio e il nuovo ateismo (Queriniana, pp. 167, euro 13,80). Senior Fellow al Science & Religion Woodstock Theological Center della Georgetown University di Washington, nei giorni scorsi Haught ha ricevuto la laurea honoris causa dall’Università Cattolica di Lovanio, in Belgio, per la sua pluridecennale ricerca sul rapporto tra teologia e scienza.
Argomento: Fede e ragione
"Festival della teologia", Piacenza 22-24 maggio 2009

L'orizzonte della preghiera: in cammino verso Dio

di Camillo Ruini

Iniziamo da una classica definizione di San Tommaso d'Aquino: "Oratio est proprie religionis actus", la preghiera è propriamente l'atto della religione ("Summa Theologiae" II-II, q. 83, a. 3). Tale definizione viene comunemente riconosciuta anche oggi come universalmente valida nell'ambito della storia delle religioni, in termini paradossalmente più ampi dello stesso riconoscimento del rapporto della religione con un Dio personale [...].
Argomento: Fede e ragione

Un centinaio di domande

Arriva dal Movimento sociale, fa il presidente della Camera, sogna una destra che non si chiami “destra”, ma che sia comunque “nuova”. Chi è Gianfranco Fini? Cosa fa? Dove va? E soprattutto: dovunque vada, troverà posto?

di Emanuele Boffi
Argomento: Fede e ragione

Ha aperto una strada. I potenti la seguiranno?

Calcando le orme del Dio incarnato, “passo”, morto e risorto, il Pontefice ha confermato i “suoi” e abbracciato i fratelli ebrei e musulmani di quelle terre martoriate. Con l’energia caparbia di chi costruisce con mattoni nuovi

di S.Em. Card. Angelo Scola

Argomento: Fede e ragione
14-5-2009 AsiaNews

Il papa, l’islam arabo e l’occidente


di Samir Khalil Samir


Le critiche dei media islamici contro Benedetto XVI sono un nulla di fronte alla ricchezza della sua proposta. Nel mondo arabo è urgente il dialogo con la scienza, bloccato da secoli; nel mondo occidentale è urgente non rinchiudersi in ideologie relativiste e sprezzanti verso la fede.
Argomento: Fede e ragione

[..] qui di seguito la seconda parte della relazione alla plenaria della pontificia accademia delle scienze sociali, letta in Vaticano, in lingua francese, la mattina di venerdì 1 maggio 2009:

Obama e Blair. Il messianismo reinterpretato

di Michel Schooyans

Argomento: Fede e ragione
Avvenire 7 Maggio 2009
IL CASO
Perché la scienza nacque cristiana (e non nella Mezzaluna)
di Stanley L. Jaki
Argomento: Fede e ragione
LA GLENDON RIFIUTA IL PREMIO DELL’UNIVERSITA’ CATTOLICA DI NOTRE DAME. QUESTE LE RAGIONI.

Come avevamo già comunicato, l’Università cattolica di Notre Dame nello stato dell’Indiana (USA) ha deciso di invitare a tenere il discorso nella giornata delle lauree al Presidente Barak Obama. Date le posizioni abortiste del presidente, molti cattolici avevano criticato l’iniziativa e iniziato a raccogliere firme di protesta. Nella stessa giornata del prossimo 17 maggio, nella medesima occasione della festa per le lauree, sarebbe stata premiata con la prestigiosa Laetare Medal dell’Università di Notre Dame, l’insigne giurista Mary Ann Glendon, già capo delegazione della Santa Sede alla Conferenza Onu di Pechino sulla donna nel 1995, già Presidente della Pontificia Accademia per le Scienze Sociali, Membro di numerosi organismi della Santa Sede ed ambasciatrice degli Stati Uniti presso la Santa Sede nella precedente amministrazione americana. La dottoressa Glendon però ha deciso di rifiutare l’onorificienza e di non partecipare alla cerimonia. In questa lettera, da essa stessa consegnata alla stampa, emergono i motivi seri e profondi della decisione. Pur nella sua brevità, questa lettera tocca importanti temi della presenza pubblica dei cattolici.
Argomento: Fede e ragione

Riflessione sul tema:"L’Educazione al lavoro, sul lavoro, per il lavoro"
nell’ambito del XVI Congresso territoriale della CISL

Salone della CISL, 29 aprile 2009

di S. Em. card. .Caffarra

Argomento: Fede e ragione
Avvenire 16 Aprile 2009
Il personalismo? Non è individualismo

Da qualche tempo a questa parte è in atto un inquie­tante processo di trasfor­mazione (o, piuttosto, di deforma­zione) del concetto di persona. Nato nei primi decenni del Nove­cento per reagire all’individuali­smo borghese (e a un’etica, quella kantiana, incentrata esclusiva­mente sul soggetto) il personali­smo si è sempre connotato, al di là dell’estrema varietà dei suoi per­corsi interni, per l’accentuazione della dimensione relazionale del­l’io: non a caso, del resto, una del­le sue più importanti ed incisive espressioni storiche è stata quella del personalismo comunitario (di Emmanuel Mounier, e non solo).
Argomento: Fede e ragione
Avvenire 7 Aprile 2009
CULTURA
Marta Sordi, filo diretto con la classicità
Marta Sordi lascia un vuoto incolmabile nel campo degli studi di storia antica, che ha dominato per decenni, e fra gli amici – allievi e colleghi – che l’hanno conosciuta e stimata. Nata a Livorno nel 1925 e laureatasi in Lettere all’Università degli studi di Milano con Alfredo Passerini, Marta Sordi intraprese subito dopo la laurea la sua attività di ricerca. Presso l’Istituto italiano per la Storia antica, a Roma, per un quinquennio fu allieva di Silvio Accame, maestro e amico. Dal 1962 all’Università di Messina Marta Sordi formò una prima Scuola, attiva ancor oggi. Alcuni anni più tardi, nel 1967, passò a Bologna, dove ha lasciato una traccia incancellabile, e infine approdò due anni dopo all’Università Cattolica di Milano, dove insegnò Storia greca e Storia romana fino alla fine della sua lunga carriera accademica, nel 2001.
Argomento: Fede e ragione
Il Foglio 26 Febbraio 2009

Vito Mancuso chiede un Concilio per liberare l`uomo dalla natura

DOCTOR DIABOLICUS
Argomento: Fede e ragione
Una "good bank" per favorire lo sviluppo. La finanza può fare miracoli

di Ettore Gotti Tedeschi, 30 gennaio 2009 (L'Osservatore Romano)
Argomento: Fede e ragione

Avvenire 20-2-2009

Cattolici, laici e società civile

di Angelo Scola

"L'Occidente deve decidersi a capire quale peso ha la fede nella vita pubblica dei suoi cittadini, non può rimuovere il problema".

Argomento: Fede e ragione
Avvenire 19 Febbraio 2009

Intervento del cardinale Camillo Ruini

Laicità, punti fermi per l’etica pubblica
Con il Vaticano II si è aperta una nuova stagione di rapporti fra cattolici e mondo laico. Ma oggi viviamo una fase nuova, a volte fatta di contese.
Argomento: Fede e ragione
Avvenire 6 Gennaio 2009
NUMERI E FEDE/5
Matematica, il fascino della verità
Argomento: Fede e ragione
Avvenire 16 Dicembre 2008
NUMERI E FEDE/2
«Ma la geometria non è atea»
La matematica Lucia Alessandrini: «Spesso ai giovani studenti mancano gli strumenti per comprendere i nessi tra il divino e l’umano»
Argomento: Fede e ragione

Motore di ricerca

Chi è online

Il Tuo IP: 54.224.202.224



Verifica umana
Quanto fa sei più otto?
:

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder